venerdì, agosto 24, 2007

through the gates of the sleepy silver door

domani torna il sole, possibili lampi d'estate nel week end.
e come per magia si riparte con un grande concerto.
uno di quelli che mi aspetto tra i migliori della stagione.



sabato 25 agosto live h21
dead meadow (usa)
tra math stoner, shoegaze, psychedelia e folk
guest: three in one gentleman suit (post core - ita)

45 commenti:

giro ha detto...

e due!

chris ha detto...

cazzo giro. ti dobbiamo 2drink.

Anonimo ha detto...

qualcuno va al tafuzzyday?

giro ha detto...

2drink!! :) bene!

visto che nei precedenti post si parlava di (riassumo malamente) voglia di contaminazioni, musicisti italici, panorama arido, musica nuova, rinata scena, etc, etc.. mi permetterei di segnalarvi qualcosa che, ovviamente a mio modestissimo parere, la dice lunga sul fatto che dalle nostre parti difficilmente germini qualcosa di diverso dalle solite band con magliette fighe e niente da dire

http://www.m-i-c-r-o.net/mpld

per farsi un'idea nella sezione download ci sono sia audio che video a disposizione

il ragazzo, pur vivendo a NY e' nato e cresciuto, sia musicalmente che culturalmente, proprio delle nostre parti e propone musica generata tramite proiettori per diapositive su cui ha applicato dei microfoni a contatto, i proiettori vengono toccati, accarezzati, manomessi durante la proiezione, i frame si sovrappongono con l'aiuto di dischi forati posti in rotazione davanti ai diversi fasci di luce che convergono su una stessa tela, la velocità di rotazione dei dischi è controllata tramite potenziometri collegati a motorini di recupero..

ok, non si tratta di canzoncine in senso stretto, piuttosto di sperimentazione musicale, pero' e' questo l'oggetto del desiderio, o no? qualcosa di diverso, qualcosa che cerca di rompere non si adagia

devo dire che guardando un suo video non ho potuto far a meno di pensare al lavoro di Steve Reich con la sua "It's Gonna Rain" fatta di loop paralleli ossessivamente ripetuti, progressivi slittamenti di fase, ritmi che si abbozzano, si concretizzano, ti prendono e scompaiono.. vabe' forse mi sto dilungando un po' troppo e non e' questa la sede

comunque, come lui credo ce ne siano altri, e proprio per questo mi sento di dire che in italia non esistono solo gruppi scarsi, probabilmente quelli buoni ci sono, basta cercarli

a proposito, chris, visto che la proposta del cineforum e' saltata ci riprovo con lui: che ne dici di una seratina MPLD sempre con lenzuolo sulla rete da beachvolley? e se poi piove scappiamo tutti sotto la tettoia, ci ascoltiamo "It's Gonna Rain" e buona lì

chris ha detto...

ok giro, vedo che ti stai ambientando. vediamo quel che si può fare anche se ormai per l'hana bi i giochi sono fatti.

a proposito di nastri e loop e immagini spero di portare william basinski prima o poi

borguez ha detto...

Basinski e Punck assai graditi, e poi aggiungi Orsi & Becuzzi (picoolo capolovaro nostrano) e ci scappa il mini festival...

giro ha detto...

ok, in realtà per MPLD sicuramente bisognerà aspettare un bel po', era piu' una butade che altro, visto che l'ho solo incrociato l'altra sera perche' in ferie in italia ma rientra a NY fra qualche giorno, comunque sto ascoltando adesso Black Fanfare, cazzo notevoli!

certo che se poi mi organizzi una seratina di loop, moijtos e basinski.. mi tocca di prender definitivamente casa a ravenna!

mmh.. il minifestival mi trova molto ben disposto!

Anonimo ha detto...

uhm...
riciao, risono antonio
non credo che in italia ci siano solo gruppi scarsi, e - a monte di tutto - non lo penso.
ho detto che in italia da troppo tempo c'è la coperta corta, e questo sega le gambe e le aspirazioni, fa volare basso e porta ad ammiccare quasi sistematicamente per sopravvivere.
le cose strane? la ricerca? magari. quanta gente ci va a questi concerti? disinteresse più assoluto.
dove è alla fine la GENTE INTERESSATA a questo tipo di cose, in italia?
esatto: non c'è. presenti esclusi, s'intende. i giovanissimi meno di tutti. quindi questi gruppi non suonano, se non al bronson e in altri 3 posti in tutta italia.
indi, la coperta si accorcia. l'idea di seguire musica alternativa si annulla e/o deforma sulla base dell'ammiccamento più di moda. e l'idea di "gruppo undeground" per le nuove generazioni diventa i disco drive.

il che la dice più lunga di qualsiasi mio discorso.

giro ha detto...

precisazione: quando dicevo che "in italia non ci sono solo gruppi scarsi" lo dicevo per sottolineare che sbattendosi, e ripeto, sbattendosi, le cose interessanti si trovano, nulla piu'

poi concordo: la coperta corta costringe ad ammiccamenti per sopravvivere, fa volare basso e, soprattutto, mi fa fare un sacco di chilometri per ascoltare qualcosa di decente!

Ste ha detto...

Ieri ero a Senigallia a vedere "The Killer" sperando di vedere accendersi una grossa palla di fuoco..ma di acceso c'erano solo i telefonini della gente (*) per immortalare uno che "non lo fa scuotere più" (il culo?)
(*) dal minorenne con babbo e papà al coetaneo di Jerry, dal Johnny Rotten con i calzoni puliti all'Elvis Presley marchigiano, dal Marylin Manson al Rockabilly der Testaccio..beh un popolo musicale così lontano e diverso da quello a cui ci siamo abituati dalle nostre parti che mi fa pensare a certi mondi musicali paralleli che vivono in un'altra dimensione...

Hank ha detto...

Secondo me tutto si riduce a una volgarissima questione: il vil denaro. I vituperati quattrini offrono opportunità, aprono spiragli (sale prove, scuole serie per musicisti, palcoscenici) e, vivaddio, fanno selezione. La cultura in Italia e altrove senza finanziamenti statali non sopravvive. La musica (perlomeno questa musica) non e' considerata tale. Ergo, sillogismo aristotelico, non attecchisce. Altro che compiacimenti paternalistici sulla Nuova Scena del Dismano, quando oggigiorno un ragazzo di Cesena puo' produrre a quattro mani un cd con un coetaneo di Auckland senza neanche mai incontrarlo. Ha già Blind Lemon Jefferson e Internet, quel che gli serve e' quel che noi ahinoi non abbiamo, ovverossia la pilla. E senza il sudore e la competenza di Chris e pochi altri, Ravenna sarebbe la consueta, noiosissima merda.

punck ha detto...

Mai come oggi in italia le cose sono in movimento,e' pieno di microrealta' che cercano faticosamente di trovare spazio,artisti,netlabel,piccole distribuzioni ,etichette discografiche e mille altre cose in ebollizzione e nascoste sotto il coperchio della pentola.Sono secoli che sento la gente lamentarsi, che sento parlare dell'assenza dello stato , ma sono convinto che sia la gente a non aver voglia di crescere.E' ampiamente ora di smettere di piangere , e' il momento di alzare le chiappe ed agire. La gente ha davvero voglia di scoprire cose interessanti? La gente e' curiosa?
A me pare che la gente stia bella comoda cosi' come si trova.Pronta a subire tutto quanto sia semplice da subire e da imporre a chi e' predisposto a subire.Tutti pronti a scaricare giga di mp3 gratis dimenticandosi che questo spesso significa la morte di quelle piccole etichette per le quali la mancata vendita di un cd stampato in 500 copie significa la non possibilita' di farne usicre uno successivo e di chiudere quindi i battenti, gente pronta pero' a lamentarsi sulla "pessima" situazione musicale italiana.La gente subisce volentieri e questo e' quanto, i soldi e lo stato centrano relativamente. Ci si lamenta della situazione italiana e poi si scopre che e' piu' semplice pubblicare un disco per un etichetta straniera visto qui i dischi si scaricano e non si comprano neanche se te li vendono a 5 euro....
Ci sarebbero altre mille cosa di cui discutere, ma non e' ne' il luogo ne' il tempo adatto.

Chi e' causa del suo mal pianga se stesso

(ovviamente non mi riferisco a nessuno in particolare)

chris ha detto...

è da qualche giorno che nella sezione commenti si parla di cose serie, si prova ad approfondire, così "pour parler" mica per cambiare il mondo e già il numero di commenti (non di visite) scende vistosamente.

concordo più o meno con tutti e specialmente con punck .

anche io penso che le piccole etichette vadano sostenute a suon di acquisti.

Layeahyeahyeahs ha detto...

Chi fa metà Giant con me domani?

giro ha detto...

già: curiosita! merce rara. tanti a lamentarsi ma tutti pronti a divorare i loro toast preconfezionati senza sbattimenti di sorta.. la musica non funziona per un verso soltanto, c'e' chi suona, c'e' chi ascolta. si gioca su due lati, e se, su certa musica, uno dei due marca visita, il gioco si rompe, non funziona e smette di essere divertente.

beh, dico io, peccato.. campo ugualmente, e questo davvero senza polemica, per me' la cosa e' serena, prendo quel che c'e', per quello che manca vedro' di imparare a suonare.

poi comunque grazie. a chi si da da fare, intendo. a chi crea situazioni capaci di solleticarmi il neuorne, di contaminarmi, di farmi ricredere, etc etc..

azz.. vero che sono calati i post faceti, peccato.. in effetti avevo questa sensazione, che la cosa prendesse la piega del "discutiamo delle sorti del pianeta" insomma.

per fortuna non mi sento cosi' serio da rinunciare ai 2drink promessi!!!

a proposito, domanda ingenua: cos'e' un Giant? qualcosa che si beve?

Layeahyeahyeahs ha detto...

Il Giant è un panino molto buono. Anzi il Giant è Il Panino.
Azza grazie di esistere.

Anonimo ha detto...

"Un'antica favola racconta che una giovane volpe cadde disgraziatamente in una tagliola; riuscì a fuggire ma gran parte della coda rimase nella tagliola. Si sa che la bellezza delle volpi è tutta nella coda, e la poveretta si vergognava di farsi vedere con quel brutto mozzicone. Gli animali che la conoscevano ebbero pietà e le costruirono una coda di paglia. Tutti mantennero il segreto tranne un galletto che disse la cosa in confidenza a qualcuno e, di confidenza in confidenza, la cosa fu saputa dai padroni dei pollai, i quali accesero un po' di fuoco davanti ad ogni stia. La volpe, per paura di bruciarsi la coda, evitò di avvicinarsi alle stie. Si dice che uno ha la coda di paglia quando ha commesso qualche birbonata ed ha paura di essere scoperto."
la Giò

pullo ha detto...

..cazzo!!!!!!!!!! Causa tosse grassa non riesco a dormire....aiuooooooooo!!!!!!!!!!!

pullo ha detto...

...e ho un gran sonno...come fare??????

pullo ha detto...

....notte.....navigo...

pullo ha detto...

......scarico.....

pullo ha detto...

......prendo PROPOIL m non fa un cazzo!!!!!!

chris ha detto...

brava giò.
quindi avevo ragione io...

Anonimo ha detto...

fantastici i monologhi notturni di pullo!ti vorrebbero curare in tante!

Anonimo ha detto...

chi ha la coda di paglia?

Anonimo ha detto...

pullo sei proprio un gran figooooooo..... vederti anche solo camminare per circa 5 secondi mi fa star male..... fatti vedere più spesso in giro... una tua fan...

Anonimo ha detto...

scherzetto.. sono quello di sopra.. sono un uomo e mi piacciono troppo le donne.. volevo scatenare la reazione di qualche ragazza... buona vita a tutti..

adele ha detto...

Auguri alla giudit!!

noi ce ne sbattiamo se non li vuole.
perchè lei ci fa stare bene. mi fa stare bene.

gran serata (gavettoni a parte, che poi sono sempre l'unica a tornare a casa fradicia).

pullo ha detto...

.....LIARS nuovo......decisamente un capolavoro!!!!!!

matt ha detto...

..e ancora stesso problema....2 maroni.....

giro ha detto...

...e quindi, volpi, occhio ai galletti! sono sempre loro i primi a fregarvi :)

valentina ha detto...

Buon compleanno mia cara Giuditta! Cento di questi giorni!!

samy ha detto...

vi prego di non suonare piu SEALINGS quando io sono assente...

già che stavo male, e ora che non ho potuto ballare suddetta canzone sto peggioooooo

e sono in astinenza da GIIIIIAAAAAAANNNTTTTTTTT!!!

mi mancateeeee

Kekko ha detto...

giuditta auguroni.

Kekko ha detto...

@ pullo: sì? a me sembra un po' debboluccio alla fin fine... bello il singolino ma non tanto il disco intero.

giudit ha detto...

grazie a tutti per gli auguri!

scrivo per dire che ieri sera la doppietta e LEN+NADA ha fatto stare bene (giusto perchè oramai parlo come kekko).

adele ha detto...

Tutti oramai parliamo come kekko.

Stare bene.

grado ha detto...

Mi accodo agli auguri a Giuditta, un abbraccione!!(sorriso)

Ieri Nada ha dato un qualcosa in più ai dj set...bello.

giro ha detto...

quindi il ragazzo che scratchava si chiama nada? anche a me e' piacuto molto, non so come dire, rendeva tutto piu' fresco, e lo faceva con molto gusto

Anonimo ha detto...

anche la Len ci fa star bene...cammini come una farfalla per circa due secondi e tutto è più allegro!...len dai fa la dj

Anonimo ha detto...

scusa chris, puoi prendere mia nonna all'hanabi a suonare? lei fa hardcore...jammato una volta anche coi lato oscuro....
ciao!

giro ha detto...

mmm.. effettivamente scratchare fa un po' cagare, ma non mi viene altro sinonimo per "assortimento di suoni ottenuti tramite manipolazione ritmica di un vinile"

giulia ha detto...

fingo di avere ancora un megafono in mano e urlo AUGURI GIUDIT!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

len ha detto...

1) Voglio fare gli auguri alla giudit anche sul blog, AUGURIII!!! fatta donna..
2) samy, mi dispiace ma è stata una richiesta "che non ho potuto rifiutare"... si bisserà a breve con un giant in mano.
3) Grazie Nada per il supporto tecnico/musicale/scenografico! Speriamo ci siano altre occasioni for us..

Anonimo ha detto...

pullo da vertigine ierisera.........